A World Cup of Flavoured chips

Come in passato, sguardo rivolto agli sponsor che affiancano la Word Cup e alle aziende che hanno immesso nuovi prodotti sul mercato in occasione del grande evento sportivo e mediatico. Rinnovata e non c’è da stupirsi la collaborazione con i main sponsor storici Coca Cola, Birra Budweiser e McDonald’s. A questo proposito la World Cancer Research Fund, ha criticato l’alleanza consolidata perchè ci si auspicherebbe un cambiamento dai comitati organizzatori. La Fifa non ha commentato, lo sappiamo: business is business.

A proposito di nuovi packaging in occasione del campionato del mondo, un caso è la Walkers che ogni tanto fa parlare di sè. Stavolta si è inventata la Walkers Flavour Cup Champion ribattezzata come ” the world’s first-ever “crisp tournament”.

Vincerà l’Italia o l’Inghilterra? Il Brasile o l’Argentina? ma non si parla di squadre bensì del contest messo in piedi dall’azienda e finalizzato a far conoscere i flavour che meglio secondo lei sono rapprensentativi di alcune delle nazioni partecipanti alla competizione.

Edizione limitata come si vuole in questi casi: “English Roast Beef and Yorkshire Pudding”, “Brazilian Salsa”, “American Cheeseburger”, “French Garlic Baguette” e “South African Sweet Chutney”.

Per la Spagna? “Spanish chicken paella”

Seguono: Irish stew, Australian BBQ kangaroo, Argentinian flame-grilled steak

Per la Germania il “German bratwurst sausage” poi “Dutch edam” e “Welsh rarebit

15 nuovi flavours per i snacks-fans.

E cosa hanno scelto per rappresentare l’Italia? “Italian spaghetti bolognese”. :)

Cosa ci fa lo chef e gastronomo-molecolare Heston Blumethal in questo post? è già da un po’ che lo chef collabora con l’azienda.
http://www.walkers.co.uk/f

Fonte immagine

About these ads

8 commenti on “A World Cup of Flavoured chips”

  1. Domenico Tiso scrive:

    Dov’è lo sport? Dove sono i messaggi per un’alimentazione corretta e uno stile di vita sano? Quali conseguenze sui consumatori? Soprattutto se si tratta di bambini e adolescenti? E dove sono tutti coloro che hanno l’obbligo di vigilare? Che parlano tanto di GLOBESITY e di DIABESITY? Bello riempirsi la bocca di parole tuonanti, di slogan altisonanti, ma il fare? Cosa risponde l’OMS, cosa rispondono le istituzioni che si lamentano del sovrappeso dilagante e dell’epidemia di grasso che colpisce piccoli e grandi, maschi e femmine? Parole, parole … che si chetano all’arrivo del denaro sonante. Anche la sponsorizzazione può essere etica, non deve essere per forza prevaricante.

  2. Marco scrive:

    Purtroppo nel mondo dello sport gli sponsor sono sempre gli stessi: anche alle olimpiadi fra i principali sponsor ci sono sempre Coca Cola e McDonalds.

    Alle olimpiadi (che conosco più dei mondiali di calcio) gli sponsor si dividono in 4 tipi:

    Worldwide Olympic Partners (sponsor del Comitato Olimpico internazionale)
    National Partners (sponsor del comitato nazionale organizzatore dei giochi)
    Official Supporters (Fornitori ufficiali di servizi)
    Official Suppliers (fornitori ufficiali di beni)

    Alle Olimpiadi di Vancouver 2010 Coca cola e McDonalds erano Worldwide Olympic Partners, mentre fra gli Official Suppliers rientravano la birra canadese Molson-Coors e i cereali per la prima colazione General Mills.

  3. Mauro Ronci scrive:

    Domenico il tuo commento incarna esattamente il mio pensiero. Purtroppo non quello del comitato organizzatore: quando si ha bisogno di denaro ad un certo punto puoi notare che, a tutti i livelli, non si guarda più in faccia a nessuno. E CHISSENE della salute delle persone. Grande Gianna che ci aggiorna sempre delle ultime “malefatte” dei soliti noti.

  4. Fede73 scrive:

    a quanto pare solo nel piccolo e a livello non ancora agonistico lo sport conserva il suo fine primario: quello di perseguire attraverso di esso la salute psico-fisica di un individuo… davanti al grande schermo e quindi nella comunicazione di massa dei grandi eventi sportivi l’unico fine è racimolare denaro utile alla realizzazione dell’evento stesso e che a fare comunicazione siano imprese che hanno “a cuore” solo il business anziché la salute dei bambini e in generale dei più giovani che poi sono quelli che più subiscono gli effetti della “comunicazione”… non importa a nessuno, nemmeno a chi è preposto a tutelarci!
    e il bello del bello è che queste aziende producono “alimentazione”, “cibo”…
    Domenico condivido… se fossi su FB, sotto il tuo commento, cliccherei “Mi piace”…

  5. Mauri scrive:

    Il mondo viene fatto girare dai soldi e solo quelli contano, purtroppo oggi come oggi impera il cibo spazzatura, quando non ti rifilano alimenti scaduti rigenerari, prima si vende l’idea e l’immagine del cibo, la sostanza e la qualità sembrano non contare. Quanto agli ingredienti, crediamo siano quelli scritti nell’etichetta ma anche in questo caso un (buon) tecnologo sa fare i giochi di prestigio e ci mangiamo schifezze camuffate, ovvero metto degli ingredienti ma faccio comparire cose similari (descrizioni diverse dello stesso prodotto o sua scomposizione per confondere le acque).

  6. Stefania scrive:

    Gianna, scordi di dire che Walkers gia’ da anni si serve di “Mr Nice”, ovvero il calciatore Gary Lineker… alla faccia della coerenza …

  7. gianna ferretti scrive:

    Ciao Stefania, hai ragione! e ho visto che è molto impegnato con la sponsorizzazione. :)

    http://www.independent.co.uk/multimedia/archive/00268/lineker_268187t.jpg

  8. Mauro Ronci scrive:

    Mauri ottima osservazione. E’ quello che dico sempre: che cosa ci fa un “chimico” (un tecnologo alimentare spesso è un chimico…) in una sala impasti, o in un’azienda che produce prodotti caseari e così via? Ma un biscotto non era fatto solo di farina, zucchero, uova, burro e un pizzico di lievito? Mah. Non servirebbe, a rigor di logica, scomodare un chimico per uno scherzetto del genere.
    E invece…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 869 follower