Asterix,McDonald’s e le insurrezioni del popolo del web

Avrete letto della scelta della McDonald’s di impiegare un’immagine ispirata alle vignette del fumetto Asterix per pubblicizzare la catena francese di fast food in Francia. Niente cinghiale al banchetto per festeggiare il ritorno di Asterix e Obelix dalla loro avventura in giro per il Mondo, ma festeggiamenti al Mcdonald’s.

La notizia è rimbalzata su numerosi siti di quotidiani stranieri on line ed è stata ripresa anche dai quotidiani e siti italiani Corriere della Sera, TV Repubblica, con il classico copia-incolla che ormai conosciamo e senza che qualcuno cerchi di saperne di piu’ sulla vicenda.

Condivido tutto quello che ha scritto Luigi, l’autore del blog House-of-mystery / sulla triste abitudine di molti quotidiani di riportare frasi, note, riflessioni altrui senza citare le fonti.

Luigi, andando indietro nel tempo, ha verificato che non è assolutamente la prima volta che il personaggio Asterix è impiegato dalla McDonalds. Per non parlare dello svarione contenuto nel video dedicato alla vicenda.

Quante altre volte Asterix è stato impiegato come veicolo di pubblicità alimentari?

Una rapida ricerca su Google e realizziamo che l’abbinamento Asterix-fumetti-pubblicità alimentari ha dei precedenti. Guarda cosa ho scoperto, una campagna degli anni ’70: Asterix e ErgoSpalma.

Via

About these ads

6 commenti on “Asterix,McDonald’s e le insurrezioni del popolo del web”

  1. fritz scrive:

    sì! me la ricordo la ergospalma, con quel nome da ricostituente. io però preferivo la cosa con la N, quindi al terzo vasetto (e terza _moneta antica_) asterix si ritirò sconfitto. anch’io, perché la cosa con la N tanto non me la compravano. :D

  2. Weissbach scrive:

    Eh, i sesterzi sul coperchio del vasetto me li ricordo anch’io molto bene.
    Da me non c’era questo ostracismo a una marca o l’altra: c’era solo il contagocce!
    Una sana temperanza che è stata dimenticata quando i genitori sono diventati nonni (a questo punto… com’è che in Asterix mettevano le parolacce? Ah, sì, teschio, pugno, fulmini e vortice).

  3. fritz scrive:

    E’ vero, quando diventano nonni saltano gli schemi. Non solo, diventano pure sfacciati: mia madre quando le ho fatto la stessa osservazione mi ha risposto “certo, adesso sono la nonna!” Per Tutatis! :D

  4. meristemi scrive:

    Oltre alle monete credo ci fossero anche i trasferelli, in regalo con l’Ergo Spalma. E sempre se la memoria non mi falla, con lo Sprint (concorrente del Nesquik) si trovavano i pupazzetti in plastica degli eroi di Goscinny e Uderzo. Ma qui stiamo entrando a gamba tesa in nostalghia-zone.

  5. eli scrive:

    La ergo spalma non la ricordo proprio, a casa mia circolava solo la Nutella eheheheh!
    I Francesi saranno anche indignati, ma la vignetta è divertente (i panini di McDo’ un po’ meno)

  6. Marco scrive:

    Anch’io ho avuto la mia dotazione di sesterzi nella mia infanzia…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 872 follower