Vita da broiler

foto_6950399_43240.jpg
Da qualche giorno il pollame è in vendita con un’etichetta che permetterà di conoscere la provenienza dell’animale, dove è stato allevato e dove è stato macellato.L’ordinanza del Ministero della Salute emessa alla fine di agosto prevede l’etichettatura obbligatoria delle carni fresche di volatili da cortile con l’indicazione di origine, allevamento di provenienza, data, numero di lotto dello stabilimento di macellazione e di sezionamento, come già avviene per le carni bovine. In questo modo – si legge sul comunicato – potranno essere garantite la qualità e la sicurezza delle carni di pollo.E per rassicurare i consumatori sulla sicurezza dei polli italiani, è partita anche una campagna pubblicitaria da parte dell’Unione Nazionale Avicoltori.

Ma come vivono i “broilers” negli allevamenti intensivi?

bobby.jpg



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...