Food design sotto zero

Batman Unilever ice cream

L’altro giorno in spiaggia, contatto ravvicinato con dei contenitori di polipropilene in cui si trova il nuovo prodotto che Algida (Unilever) ha lanciato in occasione dell’ultimo film: Batman:The Dark knight. Ma non si tratta del solito gelato, nè di un ghiacciolo, si tratta di piccole sfere lemon e cola. Gli ingredienti sono questi.

Le chiamano “perle di ghiaccio”, sono l’ultima innovazione tra i gelati. Negli Usa sono note come “ice cream beads.”

Non trovate notizie sul prodotto sul sito internet dell’Algida, c’è solo il video dello spot che passa in Tv.

Ho cercato qualche notizia sulla tecnologia che permette di ottenere le piccole sfere di ghiaccio.

Tutto è iniziato circa venti anni fa. E’ il microbiologo Curt Jones che scopre nel corso di alcuni esperimenti, che grazie all’azoto liquido e alla “cryogenic encapsulation”, è possibile fabbricare microsfere di ghiaccio che si conservano, non fondono, e non si aggregano tra di loro. La temperatura ovviamente è un fattore critico, le sfere si mantengono se la temperatura si mantiene costantemente a -40°C.

Jones notò il successo delle microsfere tra parenti e amici, intuì l’affare e dopo i primi esperimenti condotti nel garage di casa, decise di fondare l’azienda Dippin Dots: l'”Ice Cream of the Future.” Nel 2000, arrivarono i primi locali in franchising, insomma un successo in continua crescita.

La tecnica per ottenere le “cryogenically frozen ice cream beads” sta iniziando a diffondersi, ed è applicata anche da altre aziende tra cui la Cargill (1)

Alla Dippin Dots, ne fanno davvero di tutti i colori, è il caso di dirlo.

Guardate quante sfere di ghiaccio si ottengono con varie tipologie di aromi e colori diversi.

ice cream beads

Sarà questo il gelato del futuro?

Tags:

Annunci

8 commenti on “Food design sotto zero”

  1. Grissino ha detto:

    Bellissime le palline, ho visto questo gelato nel supermercato di fianco a casa!

  2. Gianna Ferretti ha detto:

    Ciao Grissino, l’ho detto che è iniziata l’invasione delle “cryogenically frozen ice cream beads” 😀

    Di che marca sono quelle intercettate a Vienna?

  3. gunnar ha detto:

    E quando mai si raggiungono -40 nei banchi frigo dei supermercati?

  4. Marco ha detto:

    Non saprei dire se in Italia è la prima volta che vengono commercializzate, ma in Spagna sono già presenti da circa due o tre anni e sono in gusti diversi (mi ricordo che mia figlia ne aveva provato uno di colore verde). Se non ricordo male anche in Spagna erano fatti dalla Frigo, quindi Unilever.

  5. Stefania ha detto:

    Si, infatti Frigo (Spagna) = Walls (UK) = Algida (Italia) = grande famiglia Unilever
    dovremmo fare una mappa di quese ramificazioni…. perche’ ovviamente questi prodotti sono presenti in altri paesi con altri nomi….

  6. gianna ha detto:

    @Marco. Credo che un anno fa o forse due, fosse in vendita il Solero shots..sempre a base di sfere di gelato

    @Stefania. Ecco (alcuni) marchi Unilever (fonte Wikipedia)

    Algida (Serbia, Grecia, Kosovo, Italia, Repubblica Ceca, Polonia, Russia, Slovacchia, Turchia e Ungheria)
    Bresler (Cile, Bolivia)
    Eskimo (Croazia, Lussemburgo, Austria, Slovenia)
    Frigo (Spagna)
    Frisko (Danimarca)
    GB Glace (Finlandia e Svezia)
    Good Humor (Stati Uniti)
    HB (Irlanda)
    Helados La Fuente (Colombia)
    Holanda (Messico)
    Kibon (Brasile)
    Kwality Wall’s (India)
    Langnese (Germania)
    Lusso (Svizzera)
    Miko (Egitto(ميكو) e Francia)
    Ola (Belgio, Olanda e Sudafrica)
    Olá (Portogallo)
    Pinguino (Ecuador)
    Selecta (Filippine)
    Streets (Australia e Nuova Zelanda)
    Tio Rico (Venezuela)
    Wall’s (Gran Bretagna, Cina, India , Indonesia, Pakistan e Tailandia)
    Wall’s HB (Irlanda del Nord)

  7. Marco ha detto:

    Scusate se vado fuori tema ma volevo segnalare che sul numero attualmente in edicola de “Il Salvagente” c’è un interessante articolo di 3 pagine dedicato alla vicenda dei formaggi avariati…

  8. […] design sotto zero: Come nascono le ice cream beads che vanno di moda negli ultimi […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...