Liquirizia e caramello

liquirfrizz

New entry nella categoria bibite contenenti il caramello 150d come colorante. L’ho trovata in un negozio vicino casa, ma è in vendita anche su ebay. E’ dolcissima, è Liquirfrizz: acqua, zucchero, liquirizia, anidride carbonica, aromi e il colorante caramello 150d. Liquirfrizz mi da l’occasione per parlare quindi del caramello, il colorante piu’ usato, lo troviamo in bibite analcoliche e alcoliche, aceto balsamico, prodotti da forno, gelati, salse, alcuni marchi di birre scure..

Le materie prime impiegate per produrre il caramello sono dei carboidrati: glucosio, miscela glucosio-fruttosio, destrosio, saccarosio.
In relazione al trattamento che i carboidrati hanno subito durante la fabbricazione e in base ad una direttiva Europea, sono quattro le classi di caramello, si chiamano rispettivamente: caramello E150a, E150b, E150c e E150d..

-E150a, è il caramello più semplice, viene prodotto sottoponendo gli zuccheri a temperature elevate intorno ai 180 gradi. Lo troviamo in alcuni marchi di whisky e cognac.

Per ottenere la caramellizzazione si possono impiegare anche acidi, alcali e si ottengono gli altri tipi di caramello.

-E150b (Caramello solfito-caustico), viene utilizzata la stessa tecnica dell’E150a ma in presenza di composti a base di solfito (acido solforoso, solfito di potassio, bisolfito di potassio, solfito di sodio e bisolfito di sodio). Si usa in alcuni cereali per la prima colazione e nell’industria dolciaria.

- E150c (Caramello ammoniacale), viene prodotto mediante riscaldamento dei carboidrati in presenza di composti ammoniacali (idrossido di ammonio, carbonato di ammonio, bicarbonato di ammonio e fosfato di ammonio). Viene usato nella produzione di alcune salse al barbecue ecc.

-E150d (caramello solfito-ammoniacale), si ottiene mediante riscaldamento dei carboidrati in presenza di composti a base di solfito o ammoniacali (es. acido solforoso, solfito di potassio, bisolfito di potassio, solfito di sodio, bisolfito di sodio, idrossido di ammonio, carbonato di ammonio, solfito di ammonio e solfito acido di ammonio) E’ il caramello piu’ usato, basta ricordare che è usato nelle bibite come Coca-Cola, Pepsi, ice tea, ginger ale ecc..

Ai piu’ curiosi suggerisco il sito di questa azienda francese dove potete trovare risposte a domande molto comuni, un glossario e molte spiegazioni sulle proprietà fisico-chimiche dei vari tipi di caramello e come si possono ottenere sfumature di colore molto diverse come queste o queste.

Una curiosità. Il caramello si può utilizzare in aggiunta al prodotto originario con il sistema del “quanto basta”. La dizione «quanto basta», riportata negli allegati delle direttive sugli additivi significa che non viene indicata una dose massima d’impiego.

Tuttavia, è bene non dimenticare che gli additivi alimentari devono essere utilizzati secondo le norme di buona fabbricazione ad una dose non superiore a quella necessaria per raggiungere lo scopo prefissato e a condizione che non traggano in inganno il consumatore.

Fonti: Ulisse.sissa.it,Tigulliovino.it,Caramel.com

About these ads

11 commenti on “Liquirizia e caramello”

  1. [...] en un producto a la moda, se usa en cocina y a base di regaliz se encuentran también bebidas como esta, licores y [...]

  2. [...] un prodotto alla moda, si usa in cucina e a base di liquirizia si trovano anche bibite come questa, liquori e [...]

  3. michele scrive:

    e quali di questi e’ meglio evitare?

  4. gianna scrive:

    Michele solo per l’E150 c e l’E150d è stata fissata una dose giornaliera, per gli altri non ci sono indicazioni.

  5. [...] en día la bioquímica que hay en mi, lo mira y se pregunta que contendrá? Agua, azúcar, caramelo, aromatizantes, etc… pero ayer recordando los calurosos veranos de mi infancia y que esta era [...]

  6. [...] la biochimica che ho dentro, lo guarda e si chiede cosa ci sia dentro? Acqua, zucchero, caramello, aromi ecc…  ma ieri ripercorrendo le caldi estati di quando ero bambina e questa era la [...]

  7. [...] cosa ci fa il 4-metilimidazolo nel caramello solfito ammoniacale? come ho già scritto, il caramello E 150d è uno dei tipi di caramello che si possono ottenere facendo reagire insieme a [...]

  8. [...] ho già scritto, il caramello E 150d è uno dei tipi di caramello che si possono ottenere facendo reagire insieme a [...]

  9. alan scrive:

    poveri noi.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 872 follower