Nuovo look per la margarina

Magari qualcuno penserà che le immagini sono fuori luogo in un blog in cui si parla di cibo e di alimentazione. Potrebbe essere l’idea per un nuovo gioco, trovare il legame tra un prodotto di largo consumo come la margarina e alcune materie prime utilizzate nella sua produzione. Il legame tra margarina e conifere lo stabiliamo con i fitosteroli, composti vegetali ampiamente diffusi.
Tutto inizia circa dieci anni fa in Finlandia quando si riesce a ricavare dai sottoprodotti di lavorazione del legno,  una forma liposolubile dei fitosteroli (stanoli) e si mette a punto un processo per produrre margarina.  In dieci anni il numero di prodotti alimentari contenenti fitosteroli e derivati è cresciuto.
Che ruolo hanno i fitosteroli nell’alimentazione umana?  Chissà cosa penserebbe Napoleone III delle nuove versioni della margarina attualmente allo studio o già presenti sul mercato? Dobbiamo infatti a lui l’invenzione dei grassi idrogenati e della margarina di prima generazione così ampiamente diffusa nell’industria alimentare.


Gli esteri dei fitosteroli esercitano un ruolo inibitore dell’assorbimento del colesterolo, ne deriva che le diverse versioni di margarina arricchite in fitosteroli, vengono proposte come un ausilio nella prevenzione dell’ipercolesterolemia con messaggi pubblicitari rassicuranti. In dieci anni il numero di prodotti alimentari contenenti fitosteroli e derivati è cresciuto e sono attualmente in commercio anche latti fermentati. Dalla Finlandia la produzione di margarina con fitosteroli si è spostata anche in altri stati e negli USA. Attualmente nella produzione sono coinvolte principlamente le multinazionali Unilever e la Johnson e Johnson che hanno realizzato un nuovo business e hanno dato una veste piu’ salutare al surrogato del burro. Alcuni studi hanno dimostrato infatti che le margarine con aggiunta di fitosteroli, contengono comunque grassi raffinati e idrogenati. 

Nel dicembre 2004, la commissione Europea ha pubblicato il regolamento sui prodotti contenenti fitosteroli e derivati (fitostanoli, esteri dei fitosteroli e dei fitostanoli). I dettagli si trovano qui.

 

Chissà cosa penserebbe Napoleone III delle nuove versioni della margarina attualmente allo studio o già presenti sul mercato? Dobbiamo infatti a lui l’invenzione dei grassi idrogenati e della margarina di prima generazione così ampiamente diffusa nell’industria alimentare.


4 commenti on “Nuovo look per la margarina”

  1. raffaelegreco ha detto:

    Ti ringrazio vivamente per la segnalazione, a presto! 😉

  2. Anonimo ha detto:

    Prego, ne riparliamo….è un tema interessante.

  3. Trashfood ha detto:

    Dopo Unilever e Danone, anche Yomo entra nel banco frigo con un prodotto anti-colesterolo. Si tratta di Equicol arricchito come i precedenti con  fitosteroli. Su questi composti ottenuti da materie prime vegetali e il loro meccanismo d’azione,&nbs…

  4. […] sul mercato ne ho parlato in diverse occasioni. Margarine, formaggi e minidrinks con fitosteroli (1,2), prebiotici e probiotici (1,2),yogurth con polifenoli e fattori proposti come sazianti. Una mail […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...