I giovani e la dieta di transizione – conclusioni e bibliografia

Che fare dunque?

Si puo’ aiutare i giovani a fare scelte alimentari piu’ attente.  Questo pero’ puo’ succedere quando il messaggio da parte delle istituzioni e’ piu’ chiaro e consistente.  In questo senso aiuterebbe se i vari ministeri (salute, politiche agricole) lavorassero insieme.  Alcune iniziative a breve termine dovrebbero essere rinforzate da iniziative o interventi a lungo termine.  Penso ad alcuni:

– migliorare i mezzi utilizzati per informare

– istruire i genitori affinche’ il primo buon esempio venga da casa

– elaborare interventi che utilizzino il buon esempio (‘role model’)

– scuole

– creare nuove norme sociali che creino l’ambiente adatto

Qualche idea concreta:

– la piramide non insegna la differenza che corre fra un alimento fatto in casa e uno preparato dall’industria…. addirittura include alimenti (come i biscotti, la birra) che in questo senso non sono in linea con il resto; il messaggio non e’ chiaro

– l’istruzione dovrebbe sempre essere sostenuta da prove.  Se una iniziativa educativa NON funziona, perche’ ripeterla senza capire dove non ha funzionato

– rimuovere le barriere che possano prevenire la comprensione delle etichette.  Questo ad esempio si potrebbe fare con il coinvolgimento della grande distribuzione (pensiamo ad una lista di additivi in uso disponibile al momento dell’acquisto, che spieghi al consumatore cosa sono)

– eventi educativi che coinvolgano bambini e adolescenti: questi eventi devono continuare con regolarita’.  Parlo di visite a fattorie didattiche, musei rurali etc, con il coinvolgimento dei genitori

– monitoraggio del trend dell’obesita’ in Italia; la consulenza con nutrizionisti dovrebbe essere resa gratis in ospedali, scuole, uffici

– sostenere la ricerca e le professioni ‘chiave’, ad es. il nutrizionista, che potrebbe essere abbinato al medico generico

– media: regolare la pubblicita’ degli alimentari, sopratutto quella rivolta ai bambini, anche seguendo l’esempio di quei paesi europei che hanno raggiunto un discreto successo

– tasse indirette : ad es. facendo pagare il parcheggio dei discounts o di quegli esercizi che vendono alimenti raffinati e non prodotti localmente;  questa iniziativa dovrebbe essere sostenuta con un maggior aiuto alle economie locali, ai produttori locali

– incoraggiare le imprese di catering a introdurre maggiormente certi alimenti. Ad es. organizzando delle degustazioni o veloci lezioni di cucina nei centri commerciali

– incoraggiare e sostenere i gruppi di societa’ civile.  Come dicevo prima, la Slow Food ha fallito nel rivolgersi ai giovani.  O semplicemente non pensa che sia necessario parlare il loro linguaggio, come diceva Marco.  Attivita’ rivolte anche ai giovani dovrebbero essere incluse nell’agenda di Slow Food. Gruppi di consumatori come quelli che in UK stanno finanziando la ricerca sui coloranti, dovrebbero crearsi e avere un ruolo piu’ attivo in queste faccende.

Annunci

5 commenti on “I giovani e la dieta di transizione – conclusioni e bibliografia”

  1. Stefania ha detto:

    Bibliografia

    Bibliography
    Aaron, J. et al (1995) Paradoxical effect of a nutrition labelling scheme in a student cafeteria, Nutrition Research, v. 15-i.9
    Beardsworth, A. and Keil T. (1997) Sociology on the Menu, Routledge
    Cabinet Office (2007) Achieving cultural change: a policy framework http://www.cabinetoffice.gov.uk/upload/assets/www.cabinetoffice.gov.uk/strategy/culture_change_framework.pdf
    Censis & Accademia Cucina Italiana (2007) L’evoluzione delle abitudini alimentari degli italiani fra nuove tendenze e solide tradizioni
    CIA (Confederazione Italiana Agricoltura): Dieta Mediterranea in crisi. I rincari dei prezzi cambiano l’alimentazione degli italiani. A tavola sempre meno pane, pasta, frutta, verdure e vino: 10/1/2008 http://www.cia.it/cia/svl/documentiRead?doc_id=17814
    Dibsdall LA et al (2003) Low-income consumers’ attitudes and behaviour towards access, availability and motivation to eat fruits and vegetables, Public Health Nutrition 6(2): 159-168
    Dixon, J. and Banwell, C. (2004) Heading the table: parenting and the junior consumer, British Food Journal , Vol. 106 No. 3,
    Romano, F. Stili di vita – il modello italiano e il contributo dell’industria alimentare: Federalimentare http://www.federalimentare.it/Documenti/Assemblea2004/CIBUS2004/Romano-Parma04.pdf
    Helstosky, Carol (2004) Garlic & Oil – Food and politics in Italy, Oxford: Berg
    Italy’s Ministry of Health: Guadagnare Salute http://www.ministerosalute.it/imgs/C_17_pubblicazioni_605_allegato.pdf
    Holdsworth, M. and Haslam, C. (1998)
    Review of point-of-choice nutrition labelling schemes in the workplace, public eating places and universities: Journal of Human Nutrition and Dietetics: v. 11 i. 5 p.423-445
    Lappalainen R, et al (1997) Difficulties in trying to eat healthier: descriptive analysis of perceived barriers for healthy eating. European Journal of Clinical Nutrition 51: S36-40
    Michaels, A.: Outside Edge: Starbucks bows to Italy’s baristi : FT : 26 December 2007
    NEF (2006) Seven Principles for policy-makers
    Padilla, M. Evolution of Mediterranean Diet: Facts, Causes, Effects, IAMM
    Panico, G. (5 April 2007) Agroalimentare, c’è poca informazione, Il Denaro
    Popkin, B.M, Larsen, P. Gordon (2004) – The nutrition transition: worldwide obesity dynamics and their determinants International Journal of Obesity 28, S2 – S9
    Sorcinelli, P. (1999) Gli italiani e il cibo: Mondadori
    S.G: Obesità, un pericolo sottovalutato – In Italia 52mila morti all’anno: Repubblica : 5 December 2007 http://www.repubblica.it/2007/12/sezioni/scienza_e_tecnologia/obesita-aumento/obesita-aumento/obesita-aumento.html
    Trichopoulou, A and Critselis, E (October 2004) Mediterranean diet and longevity : European Journal of Cancer Prevention. 13(5): 453-456,.
    Williams R. et al: Food choice and culture in a cosmopolitan city: South Asians, Italians and other Glaswegians, in Murcott, A., (1998) The Nation’s Diet: Pearson Education
    Willet WC et al (Jun 1995) Mediterranean diet pyramid: a cultural model for healthy eating American Journal Clinical Nutrition 61(6 Suppl) :1402S-1406S.
    Woolf, S. et al (2005) Promoting Informed Choice: Transforming Health Care to Dispense Knowledge for Decision Making: Annals of Internal Medicine, vol. 143, Issue 4: p. 243-300

  2. Marco ha detto:

    Mi piacciono molto le conclusioni a cui è arrivata Stefania e le condivido tutte al 100% anche se sono abbastanza scettico sulla loro realizzazione.

    Tutte queste iniziative non vengono o non verranno mai da sole, anche perchè hanno un costo non indifferente e con i bilanci attuali dello Stato saranno sempre più difficili da ottenere. Bisogna quindi che i cittadini richiedano queste iniziative alle istituzioni e lo facciano con una forza tale da essere più incisivi e pressanti delle lobbies dell’industria agroalimentare che, per interessi di profitto, hanno intenzioni del tutto opposte. Anche sulla grande distribuzione ho qualche dubbio: non è detto che sia sempre e del tutto a favore dei consumatori e delle esigenze nutrizionali…

    Purtroppo, almeno in Italia, la società civile e i gruppi di cittadini e consumatori che dovrebbero richiedere queste cose sono piccoli, frammentati, divisi e non in grado di fare massa critica… e in generale il cittadino medio non chiede queste cose ma piuttosto l’abbassamento delle tasse.

  3. Stefania ha detto:

    Infatti, Marco, l’industria (e quindi anche la grande distribuzione) ha la sua agenda. Ma spesso si riesce a coinvolgerla in iniziative pubbliche dove le aziende stesse possono trarre un profitto in termini di popolarita’. In poche parole all’azienda, supermercato o che, conviene sempre farsi coinvolgere come sponsor o portavoce di certi messaggi. Diciamo che invece spesso e’ il pubblico (come in questo caso del McItaly) ad avere un ruolo ambiguo, a non riuscire a trovarsi una posizione ‘obiettiva’. Sul bilancio e tutto il resto, purtroppo in questi anni a venire sara’ proprio come dici tu e non solo in Italia. Quello che mi colpisce, pero’, e’ che, a differenza di altri paesi, in Italia non c’e’ proprio la volonta’ o l’interesse da parte della societa’ civile, dei gruppi di cittadini, di mettersi insieme per cercare di avere piu’ voce in capitolo su certe questioni.

  4. gianna ferretti ha detto:

    Ho passato la giornata fuori e al ritorno a casa trovo questo post di Stefania. Grande! Ci penso sopra e vediamo di dare un seguito al decalogo!

  5. Stefania ha detto:

    va bene, Gianna. ti aspettiamo! 😀


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...