Fragole da testare

Sara Tulipani è stata una mia studentessa di “Biochimica degli alimenti” nella Facoltà di Scienze. Dopo la laurea ha iniziato il Dottorato in “Alimenti e Salute” e sta seguendo un progetto di caratterizzazione di aspetti nutrizionali di alcune cultivar di fragole come Alba, Sveva,Irma. Ho accettato di fare parte di un gruppo di volontari che si sottoporranno per due settimane ad una somministrazione di fragole, dovrò consumarne 500g, una vaschetta al giorno, preferibilmente a metà mattina e metà pomeriggio. L’obiettivo è verificare gli effetti dell’assunzione delle fragole sui livelli di vitamine e di antiossidanti nel sangue. Domani primi prelievi per valutazione dei livelli basali dei vari markers biochimici scelti. Vi terrò aggiornati.

Annunci

11 commenti on “Fragole da testare”

  1. Grissino ha detto:

    uhm, sarebbe piaciuto anche a me. Prelievo del sanguie a parte! 😀

  2. Marco ha detto:

    Scusa, sono molto ignorante in materia, ma mi chiedo come fanno a stabilire che il tuo livello di vitamine e antiossidanti è dovuto proprio all’assunzione delle fragole? Mangi per 15 giorni soltanto fragole? Oppure ti hanno dato una dieta ferrea e controllata da abbinare alle fragole? Se mangi quello che ti pare come fanno a stabilire che certe vitamine derivano dalle fragole?

  3. Giorgio ha detto:

    Che bello….
    però senza volerlo ho provato anch’io a fare il test…
    Quando sono belle mature compro una cassetta da 2 kg e la “divoro” in 2 o 3 giorni quasi sempre in formato frullato.
    Viene un frullato eccezionale.
    Ora mi sono dato anche alla produzione di marmellata e vi assicuro anche quella ha il difetto di “evaporare” subito una volta aperto il barattolo, non riesce ad invecchiare mai più di 2 giorni.

  4. Stefania ha detto:

    ma non vi vengono orticarie? :-0

  5. gunnar ha detto:

    per caso queste fragole da testare sono OMG?

  6. gianna ha detto:

    @Marco, si fanno dei prelievi in giorni successivi per stabilire i livelli basali e se sono costanti. Stiamo seguendo tutti un diario alimentare e dovremo ovviamente non modificare abitudini e consumi alimentari nelle prossime settimane. Comunque vi terrò informati, anche sui tipi di fragole che verranno usate

  7. Stefania ha detto:

    si, interessante – qui da anni la varieta’ ‘el santa’ e’ onnipresente sui banchi dei supermercati a qualsiasi stagione. Il perche’? e’ piu’ resistente (non si schiaccia) e permette profitti discreti. Ma non e’ neanche una varieta’ nativa. Non penso che potrei far mai parte di questo tipo di esperimento – ho sofferto troppo di orticarie in passato, non la vivrei bene….

  8. michele ha detto:

    io mi offro volontario!
    dove devo andare?

  9. Gianna Ferretti ha detto:

    Michele sono al completo! e poi saresti dovuto venire in Ancona.

  10. […] alla rovescia per le fragole da testare: effetti nutrizionali e su alcuni markers biochimici tuti da esplorare. Sono tra i 20 volontari, da […]

  11. Gianna Ferretti ha detto:

    Ancora due giorni e la sperimentazione si conclude, ecco la varietà Sveva che ci è stata fornita nelle ultime due settimane.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...