Cosa mangeremo nel 2020: il Jelly burger?

I clienti che vanno abitualmente al fast-food non si aspettano tentacoli frammisti a materiale gelatinoso come farcitura dei loro panini. La scienziata e biologa marina Jennifer Jacquet della University of British Columbia e il digital artist Dave Beck hanno creato questa foto per sensibilizzare opinione pubblica e studiosi sullo sfruttamento eccessivo delle risorse e sulle conseguenze che possono avere i cambiamenti climatici sugli ecosistemi marini. Con il diminuire del numero dei pesci di maggiori dimensioni e con l’aumento delle temperature dell’oceano, il mare diventa sempre più il luogo ideale per creature galleggianti. E da qui nasce l’idea del jelly burger: panino, pomodori, lattuga e una medusa gelatinosa aggiunta appositamente dal digital artist.

La foto è tra quelle che hanno partecipato alla l”International Science and Engineering Visualization Challenge guadagnandosi una meritata menzione speciale.

Overfishing has reduced jelly fish predator and climate change has increased ocean temperature
Jellyes thrive in empty and warmer oceans.
Whithout changes in global fishing policies,the sea food of the future is rubbery.
The jelly fish burger is so close to became a reality, we can taste it.

Fonte

Advertisements

10 commenti on “Cosa mangeremo nel 2020: il Jelly burger?”

  1. Biola' ha detto:

    E’ una domanda che mi pongo spesso :

    Che razza di cibo lasceremo ai nostri figli ?

  2. umberto ha detto:

    jelly fish is commonly eaten in far east,highly prized and a source of work for fishers,traders,etc.
    so all well that ends well.
    P-S-I don’t recommend to try self fishing and cooking since the treatment chineese use is long and for skilled people-

  3. Stefania ha detto:

    beh, a dire qualcosa di simile, che vive attaccata agli scogli e sommersa, che si chiama attinia, viene colta e mangiata nel Mediterraneo… nelle Baleari e in Sardegna – non c’e’ bisogno di trattamento perche’ una volta fuori dall’acqua perde la sostanza urticante con cui aggredisce le sue prede. viene insemolata e fritta ed e’ una squisitezza, meglio dei calamari fritti.. Attualmente e’ raro trovarla in ristorante perche’ sono una seccatura da prendere proprio per il fatto che in acqua, se non stai attento, basta anche un pezzo di tentacolo sulla pelle per ustionarti (parlo per esperienza personale 😀 )

    Tornando al discorso delle meduse in genere… oramai il Mediterraneo ne e’ pieno, pensavo pero’ fossero le alte temperature dell’acqua a guidarle verso i fondali piu’ bassi, e non la ricerca del cibo (che non c’e’). Lo stesso comunque si dice degli squali – il fatto negli ultimi decenni molto frequentemente si spingano verso le rive e’ dovuto proprio alla mancanza di cibo…

  4. […] una menzione speciale alla International Science and Engineering Visualization Challenge.Via | Trashfood Foto | Courtesy Dave Beckfonte /**/ Be the first to comment – What do you think? […]

  5. gianna ferretti ha detto:

    Ho trovato un lavoro interessante su “Jellyfish as food”

    http://www.seaturtle.org/PDF/Hsieh_2001_Hydrobiol.pdf

    buona lettura!

  6. umberto ha detto:

    the artcle is very interisting it would be interesting to substitue alum with other means since aluminium like borus is an anphterous e.g. half a way between metals and metalloids in mendeleiev table of elements and both very dangerous for uman brain with synthoms like alzeimer ,so they oult try with vinagre our magnesium solphate like in tofu instead of alum- jelly fish is also a food for tortues

  7. umberto ha detto:

    it is very dangerous to use h3boe boric acid for eyes drops or as a conservative for caviar,butter etc aluminium salts are as well dangerous for human brain like alzheimer,also in pans contacting acids like lemmon or vinagre or alcals like naoo etc like in tomato juice,so alum is dangerous and good for exthernal use only like stopping blood in cuts shaving,never in food

  8. umberto ha detto:

    emend na natrum oh NaOH natrium hidrate
    H3BO3 B is Boorus H Hidrogen O Oxigen the row formula for boric acid used in eyes medecine and as an addditive fo foods officially forbidden nowadays


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...